Navigazione veloce

Peer Education

 

 

Il progetto peer to play è un’attività offerta ad alcuni alunni delle classi del triennio dell’istituto affinché diventino capaci di affrontare ed aiutare i loro coetanei (o chiunque ne abbia bisogno) su tematiche che riguardano la promozione alla salute.

  • Obiettivi e finalità:

L’obiettivo di questa iniziativa è quello di formare un gruppo di ragazzi su diverse          tematiche (che vanno dal consumo di sostanze, al gioco d’azzardo, al sexting, ecc.)            affinché diventino coscienti delle problematiche che sono tutt’oggi presenti nel     mondo                 degli adolescenti e siano in grado di sensibilizzare ed aiutare i loro coetanei                 facendoli sentire meno soli.

  • Target:

Il target principale del progetto saranno i ragazzi del triennio dell’istituto, che  diventeranno Peer Educator ed il loro compito sarà quello di sensibilizzare i coetanei                 di seconda e di metterli a conoscenza almeno in parte,  del progetto che potranno    continuare-intraprendere l’anno scolastico successivo. (insomma quasi un passaggio   del “testimone”)

  • Collaboratori esterni:

Il progetto è stato proposto dagli istituti aderenti alla Rete di Scuole che             Promuovono Salute e in collaborazione con ATS Monza e Brianza e con gli educatori       di Spazio Giovani, attività condivisa con diversi istituti del territorio, attraverso una            selezione iniziale e precedentemente autorizzata dai vari organi istituzionali della         scuola.

  • Preparazione:

l’attività è articolata su vari momenti: Training residenziale presso Chiavenna; incontri periodici all’interno dell’istituto; incontro a Gavirate insieme ai peer degli   altri istituti; attività organizzata in istituto per tutti gli studenti ed una particolare in     tutte le classi seconde.

  • Risultati:

Innanzitutto i ragazzi hanno messo bene a fuoco il loro ruolo nella società scuola.          Inoltre hanno individuato le figure di riferimento dell’istituto e affisso l’elenco in vari             punti della scuola. In seguito hanno discusso su varie tematiche a loro molto care       prendendo in considerazione quella  del sexting allestendo la scuola con striscioni        adesivi di frasi simbolo, coinvolgendo tutti gli studenti dell’istituto sia della centrale     che della succursale invitando  questi ultimi, tra l’altro, a scrivere un pensiero poi      ritirato dall’associazione. Hanno altresì avviato la nascita di uno spazio sul sito                 dell’istituto per illustrare il progetto. Nelle seconde sono stati realizzati incontri di         un’ora sulla tematica sopra presentata  e realizzato un cartellone i cui dati sono poi               stati condivisi con Spaziogiovani